Contattaci:
+39 051 325086

booking@vivaraviaggi.it

Trasporti

Ferrari & Co

Pacchetti turistici

News

News

Caseifici Aperti: i visitatori sfondano quota 20.000

scritto da il 05 ottobre 2016

Reggio Emilia, 4 ottobre 2016 - Ha superato i 20.000 visitatori l'edizione autunnale di "Caseifici aperti", l'iniziativa del Consorzio di tutela che l'1 e il 2 ottobre ha avuto per protagonisti oltre 40 caseifici del Parmigiano Reggiano.

"I riscontri da parte dei consorziati - sottolinea il presidente dell'Ente di tutela, Alessandro Bezzi -sono molto positivi, con un afflusso di visitatori che, sulle singole strutture, va da un minimo di 300 a oltre 1.000 nelle due giornate".

"In poco più di due anni - aggiunge Bezzi - i consumatori coinvolti in questa iniziativa, finalizzata a far conoscere di più e meglio le caratteristiche del prodotto e a rafforzare il legame diretto fra consumatori e caseifici, sono più che raddoppiati, e in una fase in cui abbiamo messo in campo nuove risorse per il mercato interno, con 3,5 milioni destinati ad una campagna di comunicazione ormai al decollo, crediamo sia davvero fondamentale moltiplicare anche le occasioni di confronto tra chi produce un'assoluta eccellenza e chi ne apprezza le caratteristiche di assoluta naturalità e artigianalità".

"Proprio questa maggiore e migliore conoscenza - osserva il presidente del Consorzio del Parmigiano Reggiano - è peraltro molto importante per rafforzare quelle vendite dirette da parte dei caseifici che, tra spacci aziendali e acquisti on line, hanno raggiunto una quota del 10% sul totale".

"Rispetto alle precedenti edizioni della manifestazione - conclude Bezzi - abbiamo registrato un afflusso particolarmente rilevante di consumatori provenienti da città esterne al comprensorio di produzione e giunti nel nostro territorio con pullman organizzati; forte anche l'impennata delle interazioni sui social media (diversi food bloggers hanno partecipato all'iniziativa) e delle visite uniche (oltre 22.000) alla pagina del sito web del Consorzio dedicata all'evento".

Aceto balsamico Giusti: il più antico di tutti

scritto da il 05 ottobre 2016

Molte acetaie hanno origini antiche ma la più antica di tutte è l’acetaia Giusti fondata, pensate, nel 1605, da tal Giuseppe Giusti.

Un prodotto che, dal Duca d’Este al Re d’Italia, ha sempre avuto il posto d’onore sulle nobili tavole, finché nel 1929 Vittorio Emanuele III nomina i Giusti Fornitori della Real Casa Savoia, concedendo il privilegio di esibire lo Stemma della Real Casa Savoia, ancor oggi presente sulla bottiglia di Giusti.

Oggi è la 17° generazione della famiglia a conservare il Gran Deposito, con l’orgoglio e la passione di sempre a cui uniscono l’entusiasmo e la capacità innovativa delle nuove leve. Giusti esporta il suo Aceto Balsamico in vari paesi del mondo, con la missione di contribuire, attraverso questa raffinata specialità tipica ottenuta con cura e passione, al piacere della buona tavola, così radicato nella tradizione modenese.

L’Aceto Giusti è il frutto della rigorosa applicazione delle ricette tramandate e sperimentate dai componenti della famiglia, che si sono occupati della gestione delle acetaie fin dalla loro costituzione nel 1605.

Nel 1863, in occasione dell’Esposizione Agraria di Modena, Giuseppe Giusti, per primo, fissò, dopo secoli di tradizione orale, le regole d’oro per ottenere un “perfetto Aceto Balsamico: scelta delle uve, qualità de’ recipienti e tempo”, rimaste tali ancor oggi.

L’azienda conquistò ben 14 Medaglie d’Oro durante gloriosi viaggi nella mitteleuropea della Belle-Epoque.

Per l’azienda Giusti, la cura del dettaglio è tutto. Le uve vengono pigiate con il metodo “soffice” e il giorno stesso il succo dell’uva viene cotto. Una volta concentrato viene messo a riposare nella botte “badessa”.

Solo dopo un anno, il mosto sarà acetificato e pronto per essere travasato nella batteria dell’acetaia. Al termine di questo viaggio, che dura non meno di 12 anni, si può estrarre una parte del contenuto.

Solo i balsamici dal colore bruno lucente, scorrevole sciropposità, persistente sapore agrodolce, pieno ed equilibrato, meriteranno il titolo di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP.

 

Casa Museo Luciano Pavarotti: curiosando nella casa del Maestro

scritto da il 05 ottobre 2016

Una villa progettata seguendo scrupolosamente le indicazioni e i disegni che il Maestro forniva agli architetti e ai tecnici che ne hanno seguito la costruzione. Molti manufatti stati realizzati da fabbri, falegnami, intagliatori, decoratori provenienti da tutta Italia che hanno creato prodotti unici.

Ancora oggi la casa del Maestro riflette in ogni dettaglio la personalità di colui che l’ha pensata. Custodisce gli oggetti personali che amava e racchiude i ricordi delle sue giornate spese in compagnia della famiglia, degli amici e dei giovani studenti. La visita a questa casa consentirà di scoprire Pavarotti alla luce più intima e calda delle sue stanze, di avvicinarsi garbatamente alla sua memoria conoscendo le sue abitudini quotidiane, scoprendo l’uomo di casa smessi i panni del grande artista.

Si potranno soprattutto ammirare gli abiti di scena a lui tanto cari, le foto e i video che hanno scandito la sua grande parabola artistica, gli innumerevoli premi e i riconoscimenti di una carriera di oltre quarant’anni nei teatri d’opera di tutto il mondo.

MEF: le mostre 2016 al Museo Enzo Ferrari

scritto da il 05 ottobre 2016

Da febbraio 2016 il Museo Enzo Ferrari di Modena presenta la mostra “Red Carpet”, un modo per celebrare il mondo del cinema e della Tv e le Ferrari, che in più di un’occasione ne sono state protagoniste.

La mostra infatti unisce i modelli usati in scena ai filmati che li hanno visti in azione, sia sul grande che sul piccolo schermo: dalle celebri 308 GTS di Magnum P.I. e Testarossa di Miami Vice, alle 512 S di La 24 ore di Le Mans e 375 America usata da Sofia Loren ne Il ragazzo sul delfino.

Anche lontano dal set molti personaggi dello spettacolo sono stati appassionati ferraristi. Si pensi a Paul Newman che ha corso gare importanti, come la 24 ore di Daytona, con una 365 GTB4, o Steve McQueen, proprietario di numerose Ferrari oggi ricercate dai collezionisti. Tra le attrici, Marilyn Monroe amava le Ferrari e la 250 GT Cabriolet Pininfarina qui esposta, di colore bianco, è stata una di quelle che più ha utilizzato.

Senza dimenticare, naturalmente, le Ferrari protagoniste in pista in film come Grand Prix, La 24 ore di Le Mans e, recentemente, Rush. Perché Ferrari è, prima di tutto, corsa.

Il vino Cialdini di Cleto Chiarli tra i vincitori del Vinitaly

scritto da Gazzetta di Modena il 05 ottobre 2016

Il Lambrusco Grasparossa di Castelvetro Doc frizzante secco “Villa Cialdini” 2015 dell’azienda Chiarli di Modena conquista il Trofeo 2016 come miglior vino frizzante (con 92 punti), uno dei premi assegnati nell’ambito dell’imminente rassegna Vinitaly di Verona. Il “Cialdini” Cleto Chiarli, Lambrusco Grasparossa di Castelvetro DOC 2015 è infatti risultato primo assoluto in una delle 6 categorie del nuovo Premio enologico di Vinitaly 5 Star Wines.

Il riconoscimento è l’esito di una selezione che è partita da oltre 2.700 campioni inviati da 27 nazioni. I Trofei 2016 vengono assegnati dai 70 giurati provenienti da tutto il mondo e attributi per i migliori vini bianco, rosato, rosso, dolce, frizzante e spumante vanno alle etichette.

Fra gli altri vini che sono stati premiati ci sono Terre Siciliane Igp Bianco “Chara” 2015 (Disisa – Palermo) con 94 punti; poi Garda Doc Classico Chiaretto 18 e Quarantacinque 2015 dell’Azienda Agricola Citari S.S. di Gettuli Giovanna di Desenzano del Garda con 92 punti, oltre al Barolo Docg “Ravera” 2012 di Réva S.Agr. di Monteforte D’Alba (Cuneo) come miglior rosso con un punteggio di 95.

Arte Fiera Bologna: una guida local alla città

scritto da il 20 gennaio 2015

Con Arte Fiera Bologna 2015, la nostra città torna ad essere capitale dell'arte contemporanea. Tra la classica sede di Bologna Fiere e molti distaccamenti "off", come quello di Start Up all'Autostazione, dal 23 al 26 gennaio si preannunciano 4 giorni di grande cultura, spettacolo e (come potrebbe mancare?) di mondanità enogastronomica.

Genitori e figli: #BlogginBo con DireFareAggregare

scritto da il 19 gennaio 2015

Genitori e figli, e tutto ciò che ne consegue: spazi, babysitter, locali accoglienti, trasporti, ludoteche. Oggi, per #BlogginBo, Green Shuttle Vivara, la vostra navetta per l'aeroporto Marconi, incontra  Giorgia di DireFareAggregare, nuova realtà del web made in Bologna che da Settembre sta facendo rete in città (fuori e dentro i social) per migliorare l'esperienza di essere genitori.

Bologna: le 7 notizie della settimana

scritto da il 15 gennaio 2015

Anche questa settimana Bologna ci racconta una città splendidamente divisa tra un passato da ricordare e un futuro sempre più all'avanguardia. Musica, impresa, moda, motociclismo, sport, arte e mondanità per un panorama sempre ricco di sorprese. 

Viaggiare per lavoro: la novità di MagicEvent

scritto da il 13 gennaio 2015

Viaggiare per lavoro, tra fiere internazionali e incontri d'affari, vuol dire trovare l'alloggio ideale una volta arrivati a destinazione. Molto spesso, e qui a Bologna ne sappiamo qualcosa, in periodo di fiera gli alberghi registrano il tutto esaurito e quasi sempre bisogna accontentarsi di un hotel fuori città, lontano dal centro degli eventi. Con MagicEvent chi si trova a viaggiare spesso per lavoro oggi ha una possibilità in più.

Le 10 notizie più belle a Bologna / 3

scritto da il 18 dicembre 2014

Movida notturna, mobilità sostenibile, arte, cultura, musica, turismo, spettacolo e cronaca. Un'altra settimana di grandi notizie a Bologna, la nostra città, pronta a stupire i suoi abitanti e i sempre più numerosi visitatori. 

#BlogginBO: 5 domande a Monica Liverani

scritto da il 17 dicembre 2014

#BlogginBO, seconda puntata. Oggi incontriamo Monica Liverani, che con il suo Ideedituttounpo spazia dalla cucina al viaggio, dal fai da te alla passione per cinema e libri. Ci è piaciuta molto l'atmosfera che si respira nel suo blog: familiare, ironico, leggero. Quando si leggono i post di Monica, insomma, si ha la sensazione di stare seduti a fare quattro chiacchiere con l'amica del cuore o con la vicina di casa sempre prodiga di consigli. Vivara Viaggi, tour operator sempre affamato di novità, trova fondamentali i suoi racconti di viaggio. Allora? Venite con noi a prendere un caffè da Monica?

Le 10 notizie più belle a Bologna / 2

scritto da Green Shuttle Vivara il 04 dicembre 2014

A Bologna questa settimana si parla di raduni mondiali, di Motor Show, di arte, di calcio, spettacolo ed eccellenze territoriali. Buona lettura!

Le 10 notizie più belle a Bologna / 1

scritto da Green Shuttle Vivara il 27 novembre 2014

A Bologna succedono tante cose in una settimana. Dite di no? E allora provate a dare un'occhiata alla nostra lista.

Bologna in Blog: 5 domande a Cristina Pasin

scritto da Green Shuttle Vivara il 18 novembre 2014

 

Oggi inauguriamo una nuova sezione, dedicata ai blogger che vivono a Bologna, la nostra città. Green Shuttle Vivara ha incontrato per voi Cristina Pasin, friulana e bolognese d'adozione. Nel suo blog Parliamo di Viaggi ogni settimana ci parla dell'Italia e del resto del mondo con lo stesso entusiasmo. Cristina si sente sempre a casa, passeggiando tra le strade di Bologna o partecipando a una giornata di trekking in Perù. E' questo che ce l'ha resa simpatica, subito, alla prima lettura. E non solo: Cristina dimostra di avere le idee molto chiare anche su cosa dovrebbe essere il turismo nel nostro meraviglioso paese.

Terra di Modena: dove l'ingegno incontra il gusto.

scritto da il 31 agosto 2014


Immaginate di essere a Modena, magari in Piazza Grande, sorseggiando un buon caffè. Immaginate di trovare un autobus che vi aspetta.

Voli low cost

scritto da il 20 agosto 2014

Tour Enogastronomico

scritto da il 18 agosto 2014

Parigi Autolib

scritto da il 22 luglio 2014

Museo Ferrari

scritto da il 16 luglio 2014

Valencia

scritto da il 23 giugno 2014

Lambrusco Pezzuoli

scritto da il 06 giugno 2014

Voli per Londra Stansted

scritto da il 23 maggio 2014

Cucina bolognese

scritto da il 19 maggio 2014

Museo Ferrari

scritto da il 23 aprile 2014